No products in the cart.

Non ci sono prodotti nel carrello.

Il ny a pas de produits dans le panier.

No products in the cart.

Non ci sono prodotti nel carrello.

Il ny a pas de produits dans le panier.

Olio Solimando

Non categorizzatoL’oro di Angelo

L’oro di Angelo

Il raggiungimento da parte dell’olio extravergine di oliva pugliese di certi standard di produzione, il desiderio e la soddisfazione di offrire un prodotto che sia salubre, se non addirittura nutraceutico, che sia appagante per i sensi e che al contempo possa “insegnare” al consumatore come organoletticamente deve essere un prodotto di qualità, bisogna ammetterlo è ormai realtà.
L’extravergine pugliese lo sta facendo da tempo, tra mille sforzi e disuguaglianze, quasi un figlio illegittimo dell’agricoltura, rispetto al “gentilizio” vino; tra frodi e sputacchina, tra importazioni di oli extracomunitari ed emigrazione delle nostre olive migliori a sostenere e arricchire oli di altre regioni con cui poi fanno incetta di premi.
Parafrasando Dante “Chi è causa del suo male, pianga se stesso”.
Ma ci sono esempi di produttori che da tempo hanno investito in qualità con notevoli impegni economici.

Di solito in ristoranti che non conosco sto attento a versare l’olio senza annusarlo, poiché spesso mi è capitato di mandare al creatore un buon piatto per un cattivo olio. Ma poco fa ho “incontrato” a pranzo l’extravergine monocultivar di Picholine* dell’azienda Solimando, nel territorio di Monopoli.
Mi è piaciuto, ancor di più non essendo olio nuovo, ma con un anno alle spalle, mi ha fatto comprendere quanta attenzione ci sia sicuramente stata a livello agronomico e in merito alle tecniche di frangitura, visto che al naso è ancora ricco, con sentori di frutto fresco, verde, erba, foglia di pomodoro, iniziava un leggerissimo sentore di mela gialla, il corpo, ovviamente dopo un anno, non era del tutto corrispondente al naso, solo un pò stanco, ma non c’era ombra di difetti, un medio piccate e amaro sostenevano ancora il sorso con piacere.

* La cultivar Picholine, impollinatrice molto in voga nel sud della Francia, è una pianta la cui rusticità ha permesso un buon adattamento ormai da tempo nei nostri terreni e al nostro clima.

 

Giuseppe Barretta, enogastronomo

http://www.giuseppebarretta.it/loro-di-angelo/

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Olio Solimando Seguici sui nostri social
This error message is only visible to WordPress admins

Error: No connected account.

Please go to the Instagram Feed settings page to connect an account.

X
[]